Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su leggi di più.
SONETTI romaneschi
2013-statua-venere-marte(dal web - Il Giornale dell'Arte)

ER DIVO ANTICO (L’antica divinità)

Aveva pensato subito (un certo Presidente del Consiglio) di ripararlo/ perché gli sembrava veramente brutto/ vedere una statua, come nemmeno quella di un putto (o un angioletto):/ di Venere insieme ad un Marte senza attributi.// Allora ha comandato che gli venisse incollato il pezzo mancante/ così che orgogliosamente tornava integro/ e lo si poteva godere in pace, serenamente.// Ma poiché ora è sloggiato da Palazzo (Chigi, sede del Governo),/ un Museo (con l’impegno di esperti tecnici, forse anche andrologi…) ha smontato la protesi artificiale,/ dato che questa (di riportare allo stato originale la scultura, ritrovata ad Ostia Antica nel 1910) è la direttiva ufficiale degli studiosi d’arte antica.// Ma non è uno scandalo che la statua di una divinità antica,/ di Marte, sia rimasta ora liscia senza sesso/ e senza nemmeno una foglia di fico (la classica protezione dalla vista delle “pudenda”)?


audio-icon-35



ER DIVO ANTICO (L’antica divinità)  -  audio -

Ciavéa penzato sùbbito a ‘ggiustàllo
perché ddavéro je pareva brutto
vede’ ‘nna statua che nimmanco un putto:
la Venere co un Marte senza fallo.

Ha comannato allora de portallo
a rincollàjje er bigolo distrutto,
così cche bbello bello riciaveva tutto
pe ggodésselo in pace callo callo.

Mo ssiccome è sloggiato dar palazzo
un museo j’ha smontato er dupennènte,
come d’artronne è scentifico annazzo.

Ma nun è un scànnolo che ‘r divo antico,
Marte, è arimasto liscio, senza gnènte,
senza nimmanco ‘na fojja de fico?
 
Roma, mer. 27 marzo 2013

                       Sui giornali appare la notizia che la statua “Venere e Marte” (che rappresentano Marco Aurelio e sua moglie Faustina, II sec.) restaurata nel 2010 con l’aggiunta di pezzi mancanti
per volere dell’allora Presidente del Consiglio e messa in bella vista
nel cortile di Palazzo Chigi, è stata riportata ora al Museo delle Terme di Diocleziano,
dopo la rimozione delle aggiunte “posticce”.
Naturalmente questa vicenda può essere letta maliziosamente riguardo agli “interessi”
del predetto Presidente del Consiglio; pare tuttavia che il tutto sia nato a causa
della visita di Stato di un’Autorità cinese, nella cui cultura sembra siano poco apprezzate
le sculture mùtile (ma così è da temere che certe malizie siano diffuse anche all’estero)



Share this post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

  Consulenza assicurativa
 
  Dott. Simone Dalle Molle

  +39 3479446717
  +39 3932275711
  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  skype: simonedallemolle